Crea sito

Tag Archives: gatte

Due gatti in posa ;-)

Amori di casa, dolcissimi!

Amori di casa, dolcissimi!

Lord come sempre gran timidone e Sire … un sirenetto di gatto, elegante come sempre quando incrocia le zampette :-)

Fino a poco prima si giocava, topino sotto il tappeto e Sire che allungava le zampe per afferrarlo, un gioco che ha sempre creato curiosità in tutti i nostri gatti e gattini a seguito 😉

Mentre loro si dimostrano sempre dei signorigatti Nanà è la trasposizione al femminile del gattone Garfield, nulla fa se non per scrocco … di pappe naturalmente! Ogni mio passo verso la cucina è preceduto da lei che corre verso il cassetto che contiene le pappe!

L'eleganza di Sire ;-)

L'eleganza di Sire ;-)

Ad esempio ora che sono al pc Lord mi si è piazzato davanti allo schermo, Sire ha in bocca il cartoccio e vuole un lancio, e Nanà???

Sul tavolo in attesa di venire servita 😀

E mi guarda pure scocciata :-(

Lo ripeto per l’ennesima volta, i gatti maschi nulla hanno a che vedere con le femminucce e quando sento dire le solite che i gatti sono opportunisti penso che il riferimento sia  sempre alle gatte.

Lascio questa testimonianza per chi ancora non sa o non vuole sapere. Al prossimo post foto della cucciolata S, baci su tutti quei bei musetti :-*

Buona Pasqua con i vostri @mici!

In questi giorni ne sono successe di tutte, perchè tutto è naturalmente gioco :-)

Dove metti il naso Nanà?

Dove metti il naso Nanà?

Ieri ho tentato di preparare le pastiere mentre i gatti dormivano, per le prime due ci sono quasi riuscita 😉

Poi però il giocoso Sire ha scoperto che combinavo qualcosa di strano sul tavolo… così con tanta pazienza ho cercato di distrarlo… beh troppo facile… basta lanciargli un pezzo di carta e il gioco è fatto… o quasi! Perlomeno sono riuscita a salvare la frolla, nemmeno una incursione 😉

Il pulcino nooo!

Il pulcino nooo!

Benché Nanà sappia ormai come funziona quando si avvicinano le feste, bisogna stare buoni, non disturbare mentre la padroncina si da da fare… beh nonostante ciò .. eccola!

Si conferma ancora come miglior gatta ladra, cosa che ha trasmesso anche a Sirenetto, ma sono troppo divertenti e a loro si perdona tutto!

Per preparare le uova quanta pazienza! Sire arrivava ad annusare, a voler giocare fin sopra i fornelli… e ancora una volta un giochino lanciato in aria mi è stato d’aiuto.

Nanà invece non si arrende, ormai il suo unico scopo è mangiare, dormire, farsi coccolare ricambiando naturalmente!

Oh le gatte! Come sono diverse dai maschietti! Non finirò mai di sottolinearlo!

Meglio l'uovo!

Meglio l'uovo!

E come poteva  non accorgersi che c’era del commestibile nel cestino?

Domani, Nanà, domani…

Auguro a tutti una allegra Pasqua e spensieratissima pasquetta :-)

Non abbandonate i cuccioli per due giorni di libertà, mi raccomando!

In quale abisso siamo precipitati?

Stridono in me le differenze dei comportamenti di umani, vincono senza dubbio i nostri cari @mici e tutti i compresi del genere animale. L’Italia dei terremoti, delle alluvioni e degli abissi ora,  di persone inadatte ai loro incarichi.

i nostri tesori

i nostri tesori

Per fortuna ci sono loro che a mio parere pur essendo gatti non lascerebbero mai morire i dispettosi e appetitosi topini, l’istinto di salvare vite supera alla grande quello della caccia che alla fine è solo gioco!

Quante situazioni particolari ci sono state raccontate…loro vincono nella maggior parte dei casi!

il gioco tra Lord e Sire

il gioco tra Lord e Sire

Qui Nana’ osserva nascosta 😉 la giocosa competizione tra Sire e Lord,  giocano tantissimo. Per fortuna due gatti maschi, poiché da sempre vissuti insieme, non soffrono della sindrome  competitiva .

Quelle… che rabbia!

Sirenetto per la verità si sente mezzo umano, dorme con me lungo, testa sul cuscino e sempre voglioso di essere preso in braccio… un bimbo!!!

Sireeee!!!!!! Sei un gatto!!!

Controlla tutto stando ai ripari ;-)

Controlla tutto stando ai ripari ;-)

Nanà dopo la sterilizzazione è tutta un altra gatta! Non avendo mai vissuto questo tipo di esperienza con gatte , devo ammettere che sì,  è più dolce, adorabilissima… ma non è più lei! Ha totalmente chiuso con Lord e Sire e questo mi spiace moltissimo.

Torniamo alle cronache ora, sono nata in Italia ma l’educazione che ho avuto non corrisponde alle pagine dei giornali mondiali che ci denigrano.  Mia madre (non era italiana) fin da piccola mi ha insegnato i valori del rispetto e onestà, l’ ONESTA’ soprattutto! Grazie Mamma e grazie Babbo! Ad essere onesti sistematicamente ci si rimette nelle tasche ma ci si guadagna con la coscienza! Mi avete trasmesso  dignità, altruismo e tutto ciò che è  e dovrebbe essere nei valori umani, amore e pietà per il prossimo.  Pietà per chi è sordo e cieco.  Giustizia, questo è il punto debole del momento in cui viviamo.

Prendiamo esempio dai nostri @mici, ci offrono amore incondizionato!

Regalino natalizio

Così, anzi così:  “il più bel regalo di Natale” mi è stata inviata la mail con una foto molto graziosa, Prof e la sorellina Saké insieme sotto l’albero di Natale :-)

micissime!

micissime!

Felicità! Le due nostre “ragazze” possono finalmente stare vicine, per Saké sarà il primo Natale, lo scorso infatti era ancora nel pancione di Nanà 😉

Siamo tutti frenetici in questi giorni, le corse agli acquisti (?) sistemare tutto per bene affinché le feste siano tali. Non ci sono momenti per potersi rilassare… non è così, ecco un momento colto da Diana, uno scatto degno da essere chiamato d’amore per le sue gatte.

Piccoli cuccioli crescono

Un pensiero speciale: oggi i gattini della cucciolata S compiono nove mesi :-)

In questi ultimi giorni ho ricevuto alcune foto, bellissime, di Shan e Saké con Prof, orgogli di Lord e Nanà.

Piccole pesti in pausa riposo

Piccole pesti in pausa riposo

Ecco le due pesti che riposano stanche delle loro scorribande.  Saké per la verità ha lo sguardo vispo della birba che ne pensa una e di più 😉

Diana mi ha inviato altre foto, una davvero da ridere ma penso non renda in questo piccolo spazio. Proverò a descriverla, un mobile libreria alto e sopra le tre gatte 😉 Sakè a sinistra, Penelope al centro e Prof a destra. Tutte e tre a debita distanza, davvero una macchietta!

Sakè abbraccia la sorella Prof

Sakè abbraccia la sorella Prof

Anche in questa foto si nota l’amore che regna nella casa di Diana, grazie infinite!

Ieri ho inserito quel post, sono indignata davvero! Ora vivono con noi tre gatti, è un sacrificio, così come è stato crescere con la massima cura i gattini che sono stati adottati. Se si vuol parlare di beni di lusso per i nostri amici, sono loro che regalano a noi il lusso ma quello dell’amore che ai tempi d’oggi per gli umani è optional.

Shan, in arte Leo ;-)

Shan, in arte Leo ;-)

E quindi… siamo tutti ricchi! Noi gattari, che di gatti ne possediamo sempre più di uno per farli vivere bene, perché non siano tristi.

Ecco Shan, qui in foto è solo ma ha una compagna gatta dalla quale non si separa.

Baci speciali Shan/Leo :-*

Abbiamo tenuto con noi Sire anche perché non avrei mai concesso che vivesse in solitudine, di questa cucciolata la fortuna è stata che ognuno abbia trovato un suo simile.

Evviva!

E appena svegli, toh? Una gatta nel presepe!

… è successo! Nanà non si è fatta sfuggire nulla.

controllo delle statuine... ci sono tutte?

controllo delle statuine... ci sono tutte?

Occhi aperti sempre! Che ne parliamo a fare… si sà,  le gatte sono curiose e non lasciano niente al caso.

Lo sapevo!!!

Le statuine sono stase rase al suolo, per ora nessun danno grazie al cielo, veglierò, sì!

Lord invece da maschietto dolce e rinco (classico) ancora non ha capito del tesoro che c’è da buttare giù 😀

E’ tutto un controllare ahimè, misto di ricerche… ma anche di tanti sorrisi 😀

Chi ha rubato la paglia? E chi l’alberello? Chi ha buttato giù tutte le statuette?

Ma certo che è lei… Nanà!!!

Una foto in regalo: Prof!

è lei, siiii!

è lei, siiii!

Bel regalo oggi, Diana mi ha inviato una foto di Prof. Come definirla? Tutta la mamma, un carattere tutto suo, dominante.  Nonostante la brutta vicenda (ha ingoiato il filo del telefono) non si arrende, non le è bastato. Allerta in casa di Diana, capisco benissimo, Nanà che ormai è grandicella, due volte mamma quindi matura… macché??? Bisogna sempre prestare la massima attenzione, basta un sandalo, un  vestito pieno di bottoni allettanti che il pericolo è vicino.

Se questa è l’indole delle gatte tricolori… mhhh!

Prof mi ha lasciato un segno, grande. Nanà e lei erano inseparabili, guardarla in questa foto è come se fosse ancora con noi, davvero un bel regalo!

Prof sei stata forte, hai superato un brutto intervento che grazie alla tua famiglia umana hai combattuto e sei ancora con noi, la tua compagna Penelope sicuramente ha capito, come pochi umani potrebbero fare.

Tra un paio di mesi avrai dei fratellini/sorelline, auguro loro di trovare l’amore che hai trovato tu.

I gatti norvegesi e l’acqua…

slap, slap

slap, slap

… dai rubinetti!

Lord da sempre ama bere dal rubinetto, in questo caso dal lavello della cucina 😉

Ma quando si apre quello del lavandino del bagno, beh, da li proprio non si stacca! Ma mica perché sta bevendo. Nooo! Gli piace quardare e sentire soprattutto il rumore dell’acqua che scorre… e scorre… tanto che me ne dimentico e vai con le bollette!  :-(

Lo stesso vizietto naturalmente lo ha trasmesso alla consorte, la cara Nanà. Lei però quando deve bere lo fa! Tranne i primi tempi giustamente! Doveva ancora prendere confidenza 😉

mi piace troppo!

mi piace troppo!

Prima di iniziare a slurpare la piccola allungava la zampetta per capire se era un nemico o alleata :-)

Ora da brava “signora” gatta quando ha voglia si limita ad aspettare, certa che arriverò ad aprirle il rubinetto. E questo lo ha insegnato anche ai suoi cuccioli…

Tana!

Tana!

… il primo a capire come si fa è stato Orzo, dolce Orzo :-)

Praticamente lo beccavo spesso a farsi la doccia e prestooo! Asciugata veloce! Insieme erano due vere birbe, Orzo ha appreso molte cose dalla sua mamma gatta!

Arriviamo al dunque: ho notato che i gatti maschi hanno la linguetta corta 😉

le femminucce a dismisura, ma sarà una questione che le gatte devono accudire i piccoli sin dalla nascita, liberarli della placenta per lavarli per benino, e trasmettere loro tutto l’amore possibile? Sarà così? E perchè dell’emisfero umano si dice che le donne hanno la lingua lunga???

Bah?