Crea sito

Tag Archives: musetti

Due gatti in posa ;-)

Amori di casa, dolcissimi!

Amori di casa, dolcissimi!

Lord come sempre gran timidone e Sire … un sirenetto di gatto, elegante come sempre quando incrocia le zampette :-)

Fino a poco prima si giocava, topino sotto il tappeto e Sire che allungava le zampe per afferrarlo, un gioco che ha sempre creato curiosità in tutti i nostri gatti e gattini a seguito 😉

Mentre loro si dimostrano sempre dei signorigatti Nanà è la trasposizione al femminile del gattone Garfield, nulla fa se non per scrocco … di pappe naturalmente! Ogni mio passo verso la cucina è preceduto da lei che corre verso il cassetto che contiene le pappe!

L'eleganza di Sire ;-)

L'eleganza di Sire ;-)

Ad esempio ora che sono al pc Lord mi si è piazzato davanti allo schermo, Sire ha in bocca il cartoccio e vuole un lancio, e Nanà???

Sul tavolo in attesa di venire servita 😀

E mi guarda pure scocciata :-(

Lo ripeto per l’ennesima volta, i gatti maschi nulla hanno a che vedere con le femminucce e quando sento dire le solite che i gatti sono opportunisti penso che il riferimento sia  sempre alle gatte.

Lascio questa testimonianza per chi ancora non sa o non vuole sapere. Al prossimo post foto della cucciolata S, baci su tutti quei bei musetti :-*

I gattini, le ultime…

Eccomi ancora a raccontare :-)

Ieri i piccoli hanno fatto il primo viaggetto in macchina, macchina… un vecchio Mini che ad ogni buca si fa sentire, ma è il mio gioiellino :-) e guai a chi me lo tocca!

I piccoli sono stati visitati dalla mia veterinaria di fiducia, la dottoressa Sanua. Ha fatto molti complimenti ai piccoli, li ha visitati e constatato il loro buono stato di salute. Vaccino per tutti e libretto sanitario.

Quando siamo tornati a casa temevo che Nanà avesse sentito la loro mancanza, invece mio marito le ha dato le pappe e lei ha gradito alla grande, finalmente tutte per lei 😀 Ha bisogno di tante pappe la grande mamma che allatta, gli integratori le sono comunque d’aiuto ma non bastano perché l’appetito vien mangiando 😉

Shan che sbadiglia e Suri intontita ;-)

Shan che sbadiglia e Suri intontita ;-)

Shan che sbadiglia, Suri che mi osserva. E’ sempre bello vedere questi musetti!

Ma c’è un ma, le piccole pesti sono sempre più incontrollabili. Oggi ho beccato prima Shan e poi Suri guardare il televisore con il musetto incollato sopra, ah! Se li avesse visti mio marito non so cosa sarebbe accaduto :-)

Surf, Shan e Suri

Surf, Shan e Suri

Ieri invece ho pizzicato Sakè che molestava una mosca, digrignava i denti e poi… se l’è pappata 😀 Complimenti Sakè, hai il diploma di gran felina 😉

Qui si intravede Surf, gattuccio dolcetto, Shan gattino curioso e intraprendente e Suri una gatta gigantesca.

Ogni tanto dono loro un nuovo giochino, poco fa un topino di pezza che è stato apprezzato più di tutti da Sakè, che giocherellona!!!

I micini :-)

E cresceranno ancora...

E cresceranno ancora...

Passano i giorni, i mesi, ormai sono due! I piccoli riescono a stupirmi sempre più, Sire ormai è diventato il padrone della cucina, sale, esplora, ma con garbo, nessun effetto speciale 😉

Sakè è stata la prima ad avventurarsi sulle sedie, sul camino, come avevo già scritto non conosce ostacoli.  E se nei giorni scorsi avevo trovato il modo di farli scappare dalla stanza da bagno tirando la catena, beh? Neanche la sentono tanto sono presi dai loro giochini a nascondarella 😀

Tenerezze

Tenerezze

Gestire cinque gattini non è facilissimo, neanche per la mamma devo ammettere. Nanà è lì, preziosa, attentissima mamma gatta. Ad ogni rumore fuori luogo è pronta ad intervenire, insieme a me 😉

I musetti che vedete sono sempre così, dolcissimi e curiosi. Oggi stavo pensando di “preparare” il balcone, l’inverno ormai è passato e bisogna fare le dovute sistemazioni affinché i gattini vedano la luce senza però correre rischi, il peggiore sarebbe precipitare di sotto :-(

Cucciolissimi :-)

Oggi è il compleanno di Nanà e con l’occasione per farle mille auguri per i suoi fantastici quattro anni, scriverò e mostrerò i suoi gioiellini 😉

una decina di giorni fa

una decina di giorni fa

Questa foto l’ho scattata il 9 marzo, erano tutti a giocare sul divano, ancora non avevano imparato che era più divertente giocare sotto il telo. Questa mattina infatti il divano era pieno di bozzi ed ogni tanto sbucava fuori una testolina e Lord dall’alto del tiragraffi li osservava, forse ricordando al sua infanzia…

… oppure le altre cucciolate, ma i cuccioli non sono mai uguali! Per quanto ci siano somiglianze che ricordano qualche altro gattino, non è mai successo quello che combina Sakè: dorme con me e mi fa solletico leccandomi i piedi 😀

Dolcissima e impunita Sakè

Dolcissima e impunita Sakè

Sakè ne combinerà qualcuna presto, ormai sono costretta a chiudere la stanza da bagno, oppure lasciarla aperta ma senza asciugamani che pendono. Si lancia ovunque e dovrò tenerla d’occhio in modo particolare, è proprio una gattina discola! Ma tenerissima 😉

Tra poco cominceranno i guai, quando si rincorrono non conoscono ostacoli, ciotole che si ribaltano (e fossero solo quelle) salti assurdi per conquistarsi i primati, per fortuna quel gran tiragraffi è il loro parco giochi preferito ma anche una buona palestra :-(

Shan pronto alla lotta :-)

Shan pronto alla lotta :-)

Ecco un esempio, questa foto è di oggi, Shan con le orecchie indietro sta giocando con ? sembrerebbe Surf! E’ quasi impossibile scattare foto quando giocano, sono fulminei!

E furbi! La mattina quando sono al lavello per lavare le loro ciotole si arrampicano sulle mie gambe per arrivare al piano. Per fortuna ho i pantaloni in pile che mi salvano un pochino, resta che i graffietti delle arrampicate ci sono, e quanti! Non so se desiderare che crescano in fretta perché salgano sui mobili da soli o sia meglio soffrire un pò ma avere la possibilità di sbrigare le mie faccende senza i loro musetti impiccioni. Per fortuna ci sono gli orari delle ninne, posso approfittare per stirare 😉

Torno a te Nanà, grandeeee!!! Tanti bacini per il tuo quarto anno d’età!

Le due cucciole oggi

Puma

Puma

Il loro posto preferito è il lavello della cucina, entrambe amano osservare la schiuma del detersivo per i piatti, ma anche solo l’acqua scorrere, qui Puma sembra avere il broncio, l’acqua non scorre più 😉 Ogni mattina quando lavo le loro ciotole sono lì, poi mentre asciugo giocano per dimostrare la loro contentezza: tra poco si fa pappa!

E arriva il momento di preparare la colazione per me, anche in questo caso rimangono a fissare la caffettiera in attesa che sprigioni quel vapore che va in alto… guardano ed annusano con i musetti all’insù.

Pamy

Pamy

Ecco Pamy su quella cosa dove si accendono i fuochi :-) Pamy la chiacchierona della cucciolata è proprio curiosa, deve sempre comunicare con quei mrr prrr che è felice. Per chi non conosce questa razza quello che scrivo sembra da pazzi, l’altro giorno ho ricevuto una mail da un signore che mi chiedeva quale fosse il carattere dei gatti norvegesi delle foreste, descriverlo non è semplice, bisogna viverli! Osservare… poi tutti ammalati di norvegesite :-)

Arrivano le mail soprattutto dal nord di chi per caso ha visitato il mio blog, sono complimenti reciproci tra allevatori ed è sempre un piacere condividere la scelta di avere dei gatti norvegesi.

Pamy

Pamy

Peccato che ancora a molti siano sconosciuti, nel mio piccolo spero di contribuire attraverso la descrizione del quotidiano con loro tutto quello che di bello c’è.

Lord il papà, che ormai ha quattro anni e mezzo, vivendo con i cuccioli sembra essere tornato cucciolo anche lui, non sarà perché si ruba i croccantini  per kitten?  😉

Nanà anche lei dopo tanti crocchi kitten ha messo su peso, ora dovrà stare tranquilla per un bel po’ voglio che si sviluppi e cresca e per un nuova cucciolata spero di ritardare il più possibile, tra l’altro anch’io ho bisogno di recuperare e tornare ad una vita meno “movimentata”.

L’alba e Pamy

La danza di Pamy

La danza di Pamy

Ogni mattina al sorgere del sole Pamy inizia una strana danza, sembra voglia dare il benvenuto al nuovo giorno.  Ritta sulle zampe posteriori si mette a far scivolare le zampine contro il vetro ed a muoverle con un certo ritmo. L’emozione che provo è grande e difficile da spiegare anche perché nel corso della giornata non lo fa più, la cosa mi incuriosisce e mi piacerebbe  sapere se qualche altro gatto si comporta in questo strano modo 😉

Un paio di volte ho visto anche Puma imitarla ma poi ha smesso. Dovrò tentare di fare un mini video perché di certo qualcuno mi prenderà per pazza :-(

Ora sono rimaste con noi loro due e la mancanza del fratellone Pelù la avvertono tantissimo: era lui che accudiva tutti, li faceva giocare e la cosa più buffa è che si occupava anche di coprire nella lettiera quello che qualcuno (Lord) lasciava scoperto.

Eccola ancora :-)

Eccola ancora :-)

Il cielo è grigio, regna il silenzio in casa, Lord e Nanà ieri mi guardavano con musetti straniti e per confondere le acque ho subito giocato con loro ma con occhi pieni di lacrime.

Puma mi scalda con la sua presenza fisica, se non fosse che per poter scrivere un po’ in pace sono costretta a chiuderli in sala adesso sarebbe davanti a me, o meglio davanti al monitor :-)

Mi auguro che le due piccole non vengano divise perché fin dalla nascita, forse per via del colore, si sono identificate come vere sorelle. Ma poi non si può chiedere troppo, i cuccioli ceduti sono stati più che fortunati nelle nuove famiglie e se verranno separate sarà solo perché i nuovi padroncini saranno all’altezza di poterle accudire con amore e sensibilità.

Paperissima ci fa un baffo :-)

I piccoli da qualche giorno iniziano  a giocare in modo buffo, per ora sono relegati in sala, meno pericoli e tanto spazio, sempre comunque porta aperta perché voglio siano liberi. Vederli girare intorno ai divani e farsi gli agguati è un vero spettacolo, avanti e indietro e viceversa, alla fine qualcuno aspetta per tendere l’agguato nel momento ideale!  Poi c’è sempre quello più furbo che schizza da sotto il divano e applausi per lui :-)

Dovrei avere sempre la digitale a portata di zampa ma è praticamente impossibile per quanto il desiderio sia grande.

Lunedì  ho fatto visita a Olaf,  il bel gattone rosso della scorsa cucciolata, anche lui non scherza, la nuova padroncina l’ha addestrato per bene e complimenti a lei, davvero. Olaf ha lo sguardo dolce così come l’ho lasciato, si fa coccolare da tutti e prendere in braccio, mi ha leccato e fatto le fusa… per fortuna ho messo da parte la mia sensibilità… e sono tornata piena di orgoglio per lui e nei confronti di Nanà.

e che coda da mozzafiato!

e che coda da mozzafiato!

I micetti di Nanà per ora devono essere tenuti a stretta sorveglianza:  ho provato a mettere una piccola lettiera per loro ma chissà perché  l’hanno scambiata per pappe-croccantini :-( e vai a spazzare il tutto dai musetti! Nanà continua per benino a ripulirli, problemi non ci sono per ora, spero anche in futuro.

Sono stati sverminati ed anche Nanà che però non ha gradito molto, ho un graffietto mica male sul braccio sinistro. La difesa è difesa… d’altronde!

Presto altre foto dei piccoli mici, Pamy, Pelù e Pepe 😉