Crea sito

Category Archives: riflessioni

venerdì 17 novembre

Sirenetto gran dolcetto

il mio gatto nero

Festa dei gatti neri

Qualcuno l’ha dimenticato, io no, e se proprio vogliamo parlare di superstizione per me vale l’esatto contrario, è una giornata bellissima, splende il sole fuori e dentro casa :)

Negli ultimi tempi ho dovuto fare i conti con qualche malanno, ora ci ho fatto l’abitudine e anche loro, i mie gatti, mi osservano e capiscono. Non si gioca più come una volta e Lord lo sa. Quando arrivò da noi 12 anni fa, non facevamo altro che rincorrerci per casa, giocare a nascondino. E’ lui che mi precede sempre, vispo e giocherellone. Ora è davanti al monitor perché vorrebbe capire cosa sto scrivendo 😀

Tanto amore per loro e da loro.

 

mamma Nanà con Sirenetto

mamma Nanà con Sirenetto

Qualche giorno fa ho saputo che c’è qualche folle avvelenatore di gatti nei miei paraggi. Ignoranza è dire poco, sono criminali. Più passano gli anni e più mi allontano da persone senza scrupoli, ho dovuto “scartare” persone che mi provocano dolore, soggetti senza sensibilità, gente invidiosa o bugiarda.

Stringo attorno a me poche persone, anche se magari non condividono il mio amore per i gatti apprezzo la sincerità 😉

Noi siamo così, i nostri cari mici sono così. L’umano ha fretta, non si fai mai l’esame di coscienza, non ha né voglia né tempo.

Vedo questa giornata come una sorta di compleanno, che ormai non festeggio più. Ma oggi è davvero festa! Festa nel mio intimo di riflessione, finalmente :)

Un festoso Miao a tutti i gatti !!!

Non solo gatti norvegesi ;)

Sfidando caldo e zanzare ho voglia di raccontare un amore di gatta siberiana :) E’ una nostra vicina di casa. Tranne il naso con lo stop somiglia molto ai gatti norvegesi, è adorabile 😉

supercoccolosa Raissa

supercoccolosa Raissa

Per alcuni giorni ho avuto l’occasione di stare sola con lei, ed ora mi mancano le sue strusciatine e i mozzichetti all’alluce :)

Anni fa cadde nel mio cortile, plano’ sulla mia auto, niente di che per fortuna ed è così che la conobbi meglio. E’ una gatta dolcissima, educata e paziente, non ho avuto problemi a prenderla tra le braccia.

qui è con me ;)

con me ;)

Tanti complimenti ai padroncini 😉

Il caldo di questi giorni ci ha sconvolto tutti, per i nostri amici gatti è davvero pesante ma sanno che passerà, prendiamo esempio da loro 😉

Da Raissa ho avuto molto da imparare, temo di aver viziato troppo i miei gatti! :( o forse no???

Distacco forzato, il caldo, le zanzare!!!

Ma passerà :)

Già non mi sembra vero che il geco, soggiornante nel nostro balconcino, sia ancora munito di coda :) Nanà sta perdendo colpi! E’ li che lo aspetta pronta a colpire, tutte le notti si apposta ma per fortuna il geco riesce a farla franca 😉

Qualche giorno fa mi sono innamorata di alcuni tappetini con gatti e loro impronte, ne ho presi tre!!!

mi somiglia!

gatto che osserva gatto

 

 

 

Sire è stato il primo a sperimentarlo, ci gioca, lo gira e rigira. Pensa che sia la sua immagine?

E’ stato divertente. Meno per il mio stato di salute quando ho scoperto che non mi è stata diagnosticata la frattura del malleolo, ma questa è un altra storia, brutta, di malasanità :(  Penso ai miei gatti, alla fortuna che ho avuto nel conoscere la nostra veterinaria, almeno per loro sono tranquilla.

 

 

 

Davvero basta una stampella?

Oggi non scriverò dei miei felini, ma dell’umano che ancora esiste, sebbene abbia molte resistenze nell’affermarlo. Questa reclusione forzata e la “rinascita” delle uscite solitarie per le spese quotidiane mi ha dato l’occasione per capire che forse non tutti gli umani sono egoisti, c’é ancora senso di rispetto per chi non ce la fa.

Come in altre occasioni, purtroppo analoghe per la salute, persone a me sconosciute si sono offerte in aiuto. Notare che nell’attraversamento pedonale mi lascino passare pazientemente è stato un dettaglio non da poco. Ancora di più quando alla cassa del supermercato mi si offre il posto. Per le commesse un gran ringraziamento, tutte brave e attente nel capire che ho bisogno di aiuto :)

Ecco, questo avevo bisogno di raccontare stasera, esistono ancora persone sensibili come i nostri cari pet, qualche amico… e poi?

I miei gatti hanno notato che cammino meglio, e andrà meglio ancora perché voglio tornare la matta di prima 😉

Da quando mi sono slogata la caviglia…

… i miei gatti non sono più loro!

Ormai sono più di due settimane che mi muovo con le stampelle e ogni volta che mi capita di vedere quella pubblicità di croccantini per gatti mi riconosco nella ragazza con il piede ingessato 😉

All’inizio, per qualche giorno, i gatti mi guardavano con sospetto, avranno pensato che la fasciatura l’ha fatta la veterinaria :) Poi hanno capito il problema. Sire, in particolare, mi offre i suoi abbracci, Lord mi anticipa nei piccoli passi e ogni tanto si volta a guardare se procedo bene. Nanà osserva con tristezza.

Non mi vedono più uscire di casa, stiamo insieme 24 ore su 24. E quando tornerò a uscire???

 

Un po’ di tranquillità… forse!

Oggi, dopo una telefonata con richiesta gattino norvegese, mi sono resa conto del tempo che è passato da quando non aggiorno il blog ;(

E’ stato un periodo in cui ho dovuto pensare a me, alla mia salute fisica. E’ quello che cerco di spiegare alle persone che di tanto in tanto si affacciano al mio blog e chiedono se ci sono cucciolate in corso. Sire è l’ultimo gatto di Lord e Nanà, il diciassettesimo, e non ve ne saranno altri (numero perfetto).

treggatti

treggatti

E’ stata tosta, ma aver tenuto Sire con noi mi ha ripagato di tutte le fatiche :)

Eccoli che riposano, forse solo Lord, che adesso invece è con me e guarda con attenzione lo schermo del pc 😉 E’ sempre stato attratto dal monitor. Lord ha ripreso a essere il bricconcello di sempre, salta felice guardandomi negli occhi per farmi capire che è tornato in buona salute, gioca, vuole che lo rincorra, è radioso!

Ho dovuto trascurare loro, mio marito e la casa. La speranza per l’anno che verrà è che sia dei migliori, un 2017 pieno di salute e serenità per tutti :)

 

Cosa sta succedendo?

Da domenica qualcosa è cambiato, quello che chiamano “mostro”, il terremoto, si è manifestato di nuovo, questa volta in maniera importante. Per fortuna non mi sono accorta di niente, impegnata nelle faccende domestiche. Pochi minuti dopo però ho notato muoversi vistosamente l’unico lampadario di casa, niente che mi abbia messo in trepidazione per la verità.

Quello che mi ha meravigliata sono stati i gatti, nulla di nulla, si sono abituati o hanno capito che era distante da noi?

Eppure sono paurosissimi!!! Ma queste sono solo riflessioni di gattara.

Il mio pensiero va alla popolazione che vive l’incubo senza tregua

La gatta in cucina

Solitamente quando devo preparare dolci o impasti particolari, aspetto l’orario giusto, quando i gatti dormono 😉 Oggi dovevo rinfrescare il lievito madre e con l’occasione ho deciso di fare l’impasto per una focaccia. Nanà per la prima volta, dopo oltre 3 anni ha potuto vedere la planetaria in funzione, è stato uno spettacolo 😀

controllo il lievito

controllo il lievito

L’impastatrice ultimamente scricchiola un pò e questi rumori hanno incuriosito ulteriormente la mia gatta aspirante chef :) Decisamente curiosa nel momento in cui ho iniziato a maneggiare l’impasto, è rimasta al suo posto, vigile e attenta, brava Nanà, del resto come impasti tu… non c’è concorrenza 😉

Lord invece è presente solo quando rubo qualcosa dal frigo, arriva immediato per elemosinare, povero piccolo mio, quante cose gli ho dovuto proibire :(

Voglio il grembiule

Voglio il grembiule

Mi sento in colpa per il suo problema alla tiroide, non sarà che gli ho dato troppo pesce?

Ieri siamo andati al matrimonio di amici, e come spesso mi accade sento una sorta di attrazione per alcune persone (sconosciute) che poi scopro amare infinitamente i gatti. La donna in questione ne ha tre, come me. Osservandola avevo notato una sensibilità non comune e dopo il suo racconto ho avuto la conferma: Gatto=PetTerapy

Per un certo verso mi sono sentita in colpa raccontando dei miei gatti norvegesi, lei ha dei trovatelli e l’ammiro ancor di più!

Sono i gatti ad addomesticare gli umani, nel senso più buono della parola :)

 

Pensavo al silenzio

ma mi risulta difficile dopo aver visto quel cane vicino alla bara del suo padroncino ;(

Mi è tornato alla mente il grande dolore che ha provato il nostro spinone Robby alla morte di mio padre, ormai sono passati 45 anni ma mai dimenticherò i suoi guaiti nel sottoscala dopo aver visto il suo padroncino esanime nella bara. Dovrei zittirmi davanti alla tastiera, lo so. Non è il momento per le polemiche, la natura copre il suo corso, sulla terra e in mare e noi siamo niente.

Momenti

La desolazione

Non riesco a capire…

… questi pseudo umani.

Negli ultimi giorni le notizie di attualità mi hanno scossa. Voltare lo sguardo e far finta che intorno a noi vada tutto bene è da egoisti e così, perdenti.

Non governa la legge del furbo, lo vedo chiaramente con i miei tre gatti, è scontato che l’amore vince su tutto :)

cicciotta nostra

cicciotta nostra

La furbacchiotta in questo caso è Nanà, vuole rubacchiare i crocchi del figlio e tutte le mattine lascia immeditamente le sue pappe per andarle a rubare a Sire. E’ tutto un corricorri :(  Cerco di abituarla all’idea che ognuno di loro è singolo, singolare.

Resta poi il fatto che il figlio Sirenetto gode della propria  immagine, “il grande gatto” che tutto può 😉  Lo osservano, scrutano ogni suo scatto e chissà se poi ricordano che l’hanno generato loro quel fantastico gattone?