Crea sito

Festa dei gatti 2019

Tutto in questi i giorni mi porta indietro di anni, quando dovevo avere mille occhi per controllare i cuccioli, sono velocissimi e le marachelle non si fanno desiderare 🙂

Bobotto con Nanà

Bobo fin da subito si è dato da fare per esplorare casa, ormai manca solo qualche piccolo angolo irraggiungibile ma il dominio è tutto suo 😉   I gattini sono davvero uno spasso, un raggio di sole dopo tanto buio.

Momo sempre più dolce

Oggi per la festa dei gatti mi hanno lasciato i loro ricordini, uno sul letto, l’altro sul divano: i dentini che stanno cambiando e che aggiungerò alla collezione 😀

Di mio ho tirato fuori un giochino dei tempi che furono e che ormai avevo riposto. Capiterà di postarlo, oggi ci hanno giocato per un ora buona 🙂

Non ho dimenticato Lord e Sire, anzi, penso che la buona zampa la abbiano messa loro per salvarmi dal pianto. I gatti, non potrei mai più vivere senza di loro.

Momo è meno diffidente, ogni tanto arriva vicino al mio naso 🙂 Quando sa che ormai sono inoffensiva perché stanca si avvicina delicatamente.

Un MIAO a tutti i gatti del mondo!!!

 

 

Befana 2019

Il regalo più bello ricevuto dalla Befana è stato un trenino elettrico, ricordo ancora quando mio padre me lo depose sul letto, con tanto amore. Quella notte scoprii che in realtà la Befana era lui

Quest’anno ho voluto tentare di smuovere il buon cuore della nonnina, avevo bisogno di vita per noi e per Nanà.  La sera di sabato ho trovato sul web due gattini incantevoli, alla vista sapevo già che loro sarebbero stati la nostra nuova vita.

Domenica sei gennaio ho chiamato la volontaria che si era occupata di loro, è stata una telefonata espressa con il cuore e credo lo abbia capito perché dopo non molto ha dichiarato che forse ero la persona giusta, ci saremmo sentite.

teneri cuccioloni

Momo e Bobo

l’11 gennaio le volontarie Luciana e Antonietta mi hanno portato questi due fratellini, teneri ma impauriti, bellissimi. La mamma non si è presa cura di loro, in stato di abbandono sulle sponde dell’Aniene, Roma nord.

Compilato il modulo d’affido ora sono nostri!!! Il 2018 ha preso con sé due gatti adorabili, il 2019 mi ha donato due gattini deliziosi 🙂

Bobo ha preso subito confidenza, è un mimiLord (così lo ha definito un amica), Momo è molto impaurito, fatico a fargli una carezza. Temo abbia subito un trauma

Nanà se ne sta prendendo cura, giocano insieme. Un pò di serenità in compagnia di questi simil norvegesi delle foreste 🙂

 

Otto anni fa nasceva la cucciolata S

Oggi avresti compiuto otto anni Sirenetto mio, voglio ricordarti per tutto l’amore che ci hai regalato, a me in particolare, sono stata davvero fortunata ad averti avuto nella mia vita, eri sempre presente per noi e assente se qualcuno ci veniva a trovare.

Un gattone meraviglioso che si concedeva solo a noi. Custodisco nel mio cuore questi sette anni nove mesi e un giorno passati con te. Domani ricorrono tre mesi da quel triste giorno. Mi hai lasciato una traccia indelebile nel cuore e qualche graffietto altrettanto indelebile sulla pelle.  Ciao Sire

L’anno passato è stato davvero bastardo con noi, è iniziato con l’addio a Lord, poi il figlio ;(

Nanà ha cominciato a piangere spesso, si è sentita sola e le nostre lacrime si sono unite per il dolore che stavamo vivendo. Lei ha perso figlio e marito, io i miei, semplicemente adorati gatti.

Il nuovo anno… il giorno della Befana…

 

Giornata internazionale dedicata al gatto nero, per te Sire

Faccio fatica ma non posso esimermi dal farti una dedica.  Non ci sarà mai un tuo sostituto nel mio cuore, eri la mia seconda pelle Sirenetto mio e ti concedevi solo a  me. A tutti i gatti neri oggi voglio dedicare il mio pensiero, siete davvero incredibilmente unici!

E’ successo tutto all’improvviso, i tumori non perdonano ;(

 

Ancora una triste e sofferta decisione

Una settimana fa, il giorno del grande vento, ti ho dovuto acompagnare verso l’ultimo sonno.

Sirenetto mio, Sirena come ti chiamavo spesso, ho il cuore trafitto.

supergatto del mio mio cuore

Noi e loro, rete nazionale speciale Tg

E’ appena terminato un programma dedicato ai nostri amici pet. Commossa non esito a scriverne nonostante l’ora tarda.

E’ verissimo che i rapporti tra gli umani sono deteriorati e per questo chi ama e non tradisce, senza dubbio è il nostro caro amico peloso. Ho visto persone piangere i loro amici da compagnia più che se fossero parenti.  Cani, gatti, e altri esserini del regno della natura amano senza ritorno per loro, ci  amano e basta.

In un cimitero per amici pelosi mi ha colpito la frase di un custode che definiva frasi venute dal cuore le scritte sulle lapidi a differenza di quelle di semplice circostanza a titolo di ricordo  per famigliari umani. E’ questo per l’appunto che mi ha spinta a scriverne ora. Quanta verità!

Quanto amore da loro e quanta indifferenza o voglia di tornaconto tra gli umani 🙁

Mi rendo conto, gli umani sono deludenti, troppo egoismo, l’ego regna su di noi, e questo è orribile

 

Siamo ancora qui, noi e le zanzare ;)

Ottava luna piena, il ricordo ancora forte di Lord e domenica l’arcobaleno! Una suggestione che mi ha fatto bene, pensarlo su quel ponte prima della notte di luna.

il ponte deel’arcobaleno davanti alla mia finestra

E’ stato un periodo di gran caldo, troppo per i nostri gusti. e stare al pc diventa sempre più sofferenza che piacere, anche perchè le zanzare approfittano della nostra distrazione 🙁

Nanà e Sire passano le mezze giornate sotto il letto, spariscono! Anzi no, di lui si vede il muso e di Nanà la coda. In attesa che qualche piccione si affacci sul davanzale, ma solo per guardarlo da vicino 🙂

Mangiano il secco di notte e l’umido il pomeriggio, hanno un timer nello stomaco secondo me 😉

Per fortuna Sirenetto non è aumentato di peso, questa notte me lo sono trovata sulle spalle che tentava di pettinarmi i capelli 🙂

 

in attesa di essere pettinato

Per una donna esile come me diventa sempre piu difficile da gestire. E’ un bel gattone ma semmai per urgenza dovessi portarlo dalla veterinaria di certo da sola non ce la farei.

O lui o Nanà sul divano, entrambi non ci stanno o non ci posso stare io!

Ieri ho dovuto ordinare box lettiera XXL ma mica per lui!!! Lui è pulito e furbo, in quelle aperte siccome sa che non c’entra lascia le zampe anteriori fuori e la centra sempre. La rimba è Nanà che ormai spesso non riesce a centrarla, ma poi si vergogna 🙂

continua…

… dopo la perdita di Lord si va avanti ma non senza guardarmi indietro, ieri l’altro ancora, l’ho sognato, stringendolo a me stretto, è stato bellissimo, peccato mi sia svegliata con il cuscino in mano credendo fosse lui ;(

Nostalgia del papà

Nostalgia del papà

 

Sirenetto ha riversato tutto il suo affetto verso di me, piu di prima. Mi lascio abbracciare, coccolare, ma non potrò mai sostituire Lord al quale era particolarmente attaccato. Con mamma Nanà le cose sono diverse, c’è una sorta di “competizione” perchè Sire nonostante sia disabilitato ormonalmente da tempo, conserva la sua mascolinità 😉

E’ uscito un mensile che ho voluto acquistare perché ha dedicato due pagine alla razza dei gatti norvegesi delle foreste, parole di repertorio purtroppo, niente di più.

Desidero invece manifestare il mio supporto alle vendite online di prodotti per i nostri pet, scettica da sempre mi son dovuta ricredere, facendo conti così così forse avrei risparmiato qualche mille euro quando allevavo cuccioli.

Ora già risparmiare 60 euro al mese mi ricrea un po’ 😉

giochino notturno di Nanà

giochino notturno di Nanà

Ed adesso tocca alla nostra signora/vedovella Nanà che è impazzita perchè ha capito che deve farsi notare, che deve smuovere tensioni e tristezze, fiera di sé mi fa’ trovare la sorpresina notturna 😀

Altra storia: finalmente ho deciso di eliminare una lettiera, quella un pochino scomoda. E’ arrivata perchè Lord aveva deciso che quello era un buon posto per i suoi bisogni e là è rimasta per paura che, spostandola, lui avrebbe continuato  il suo istinto lì. Temevo di non farcela, ammetto, i nostri gatti invece sono stati più svegli di quanto avessi immaginato 😉

 

 

 

 

Come sono cambiati i nostri gatti

E già la quarta luna piena che illumina il cielo da quando manca Lord ;( era la notte della grande luna…

sei mesi fa

sei mesi fa

La nostra quotidianità ha subìto cambi insospettabili, fino a qualche settimana fa sia Nanà che Sire erano convinti che Lord sarebbe tornato, e io lo sognavo, bello, bellissimo ancora con noi.

C’è un angolo della casa dove i gatti vanno spesso e guardano in alto, lì c’era il divano dove Lord ha trascorso le sue ultime notti.

Ci sono stati due compleanni, Sire ha compiuto 7 anni il 28 gennanio e Nanà 12 il 22 marzo, non sono stata in grado di festeggiarli, solo un bacino, auguri!

Nanà è tornata la solita, i dispettucci sono di nuovo il suo forte, ogni tanto trovo la carta igienica tutta srotolata, non lo faceva da tempo!

Ma la grande novità è che si comporta come solo Lord sapeva. Moglie e figlio, vedova e orfano 🙁 non si sono mai interessati ai nostri pasti, ed ora, esattamente come Lord, arrivano ad elemosinare i nostri pranzi =:o

Al contrario rispettano i luoghi che erano prediletti da Lord, c’è un grande vuoto su quel tiragraffi, questo sono in grado di fare i gatti! Rispetto, questo sconosciuto per gli umani!!!

Lord mi manchi!

un abbraccio

un abbraccio

Mi manchi tantissimo mio caro Lord, in questi momenti è una settimana da quando ti ho dovuto dire ciao per sempre. Ogni momento il mio pensiero corre a te, hai voluto aspettare che festeggiassimo il capodanno, il nostro tredicesimo capodanno insieme.

Non avevi paura di niente, potevi stare sul tiragraffi e guardare ogni cosa succedesse fuori senza scomporti mai, in macchina non ti sei mai lamentato, eri curioso e dolce.

Il nostro grande appuntamento quotidiano era sederti vicino a me quando accendevo il camino e adesso non ci sei più. Non ci sei nemmeno quando rientro a casa, eri dietro la porta ad aspettarmi, il mio aiuto cuoco mi manca, eri tu.

La tua vocina, le corse per casa, il tuo passarmi tra le gambe avanti e indietro, mi manchi davanti al monitor del pc, non c’è angolo della casa in cui non senta la tua mancanza. Ho rivisto tante foto del nostro tempo trascorso insieme, è stato una commozione indescrivile, quella che ti racconta meglio è lì sopra, due giorni che eri con noi e già sprigionava amore.

Tua moglie Nanà e tuo figlio Sire sono tristi e forse ancora pensano che torni, stanno spesso vicino alla porta di casa, forse immaginano che sei in garage, non so… Sire si sente solo, cerca in giro ma non ti trova.

E quella foglia morta è rimasta l’immagine di te quando insieme eravamo in sala d’attesa dalla veterinaria, si è fermata davanti all’ingresso.

Grazie per tutto quello che mi hai dato, Lord, e che abbiamo condiviso, vorrei sognarti correre felice sul prato dell’arcobaleno.